Collisioni – Il Festival Agrirock

“Collisioni – Il Festival Agrirock”

 

Collisioni, “Festival Agrirock”, considerato il miglior festival italiano da parte della critica mondiale, è un evento culturale trasversale, che coinvolge artisti internazionali legati al mondo della musica, della letteratura e dello spettacolo.
Nato sotto il patrocinio della Regione Piemonte (https://www.regione.piemonte.it/web/) 2009, per volere di un team tutto Made in Italy di personalità appartenenti all’ambito della letteratura e dello spettacolo, Il Festival Collisioni è cresciuto in modo esponenziale, decretando il suo successo e diventando un evento di culto di carattere internazionale.

Nelle passate edizioni del Festival Collisioni hanno infatti partecipato personalità illustri come Bob Dylan, Jamiroquai, Patti Smith, Deep Purple, Sting, Mark Knopfler, Elton Jhon. Ma anche, per citarne alcuni, altrettanto importanti e italiane, Renato Zero, Zucchero, Gazzè-Consoli-Silvestri, Francesco Guccini, Ligabue.

Il Festival Collisioni non è solo musica, buona musica. Ma è cultura in generale. Ad animare questa rassegna possiamo trovare scrittori ed artisti, nazionali ed internazionali, come Paul Auster, Josè Saramago, Ian McEwan, Daniel Pennac, Dario Fo, Niccolò Ammaniti, Carla Fracci, Giuseppe Tornatore, Carlo Verdone. E molti molti altri.

Festival Collisioni: di cosa si tratta?

Ci sono vari elementi che rendono Collisioni un evento unico nel suo genere.

In prima battuta direi la libertà di intervento, l’atmosfera informale. Il pubblico, per lo più costituito da ragazzi under trenta, è invitato a prendere parte attivamente a dibattiti legati a problematiche e questioni attinenti la modernità. Una volontà di scambio e confronto che in poche situazioni analoghe si può trovare.

Ma la vocazione pedagogica, educativa e sociale è peculiare di Collisioni.

Il festival infatti ospita inoltre gratuitamente più di 400 ragazzi appartenenti alle zone più in difficoltà economica, che partecipano come volontari nell’organizzazione dell’evento.

Altro elemento caratterizzante, come dicevamo, la trasversalità. Non solo dibattiti, non solo musica, ma anche cinema e perché no, enogastronomia. Collisioni si svolge in una delle zone, regioni più belle d’Italia, il Piemonte, le Langhe. E nello specifico è lo splendido paese di Barolo a offrire lo sfondo a questo evento culturale internazionale, con le sue colline e le sue vigne storiche, il museo del cavatappi, le cantine dei produttori di vino e il Castello.

Festival Collisioni Edizione 2019 11°Edizione

Il Festival Collisioni giunge alla sua undicesima edizione e anche quest’anno si preannuncia essere l’evento più caldo dell’estate.

Di seguito le date dei primi i concerti annunciati:

LIAM GALLAGHER
Giovedì 4 Luglio ore 21.30
Biglietti e prevendite disponibili dal 1101..2019 sul sito http://www.ticketone.it

THIRTY SECONDS TO MARS
Domenica 7 Luglio ore 21.30
Biglietti e prevendite disponibili dal 22.11.2018 sul sito http://www.ticketone.it

MACKLEMORE
Mercoledì 10 Luglio ore 21.30
Biglietti e prevendite disponibili dal 12.11.2018 sul sito http://www.ticketone.it

Per maggiori informazioni:

info@collisioni.it

press@collisioni.it

http://www.collisioni.it

Festival Collisioni, Luglio 2019, Barolo: un’occasione da non perdere per ascoltare buona musica, partecipare a dibattiti e anche per bere del buon vino.

https://shop.langhe.net/https://shop.langhe.net/?shp=263

 

 

Nomadi 55 anni in concerto Trescore Cremasco 8 luglio 2018

Nomadi

I Nomadi sono uno dei gruppi storici italiani, fra i più longevi sulla scena del panorama musicale sia nazionale che internazionale, con all’attivo più di 15 milioni di dischi venduti.

Fondato nel 1963 dal tastierista Beppe Carletti e dal cantante Augusto Daolio, il gruppo dei ” Nomadi” ha cambiato formazione diverse volte per ragioni varie.
Numerosissime le collaborazioni illustri, fra le quali Mogol, Battisti, Guccini.

Tanta la passione. Molto forte il messaggio che il gruppo ha sempre trasmesso. Un perfetto connubio fra impegno sociale e l’amore, i sentimenti in genere.

Sicuramente il panorama storico, in cui il complesso nacque, i “favolosi anni sessanta”, ha alimentato questo tipo di interesse: un paese in pieno sviluppo economico, in cui però, alla crescita del benessere non susseguiva un maggiore impegno sociale.

Ma in buona parte il “messaggio” che i “Nomadi” trasmettono è frutto e merito della loro cultura, della loro naturale predisposizione che li vuole socialmente impegnati ed attivi. E nonostante il trascorrere del tempo, i cambiamenti nella formazioni, le rotture e i dolori, è rimasto costante.

Questi sono i Nomadi e io sono Beppe Carletti – Mondadori

“Annus horribilis”

“… Il 1992 mi si è impresso nella carne prima ancora che nella mente come l’anno orribile della mia vita, l’anno del dolore, delle perdite incolmabili…

A gennaio la prima bruttissima notizia, tanto violenta quanto inattesa: Nerina, la madre di Augusto, era morta all’improvviso, un vero e proprio fulmine a ciel sereno… A maggio morì Dante (Dante Pergreffi bassista dal 1984 al 1992), in quel modo tanto assurdo quanto inaspettato. Di nuovo una mazzata per tutti, un ragazzo così giovane e pieno di vita… Tutto questo mentre le condizioni di Augusto stavano lentamente ma inesorabilmente aggravandosi…

Il corpo di Augusto era devastato da un tumore ai polmoni che si era propagato in metastasi disseminate ovunque, soprattutto al cervello, che erano la causa di quelle atroci cefalee di cui soffriva da un po’. Una sentenza di morte senza appello… Ricordo, come fosse ora, ciò che mi disse il medico: fatelo cantare, più resta sul palco meglio è. Lo stesso Augusto, del resto, a noi amici aveva rivelato la fonte segreta della felicità: la compagnia dei suoi amati libri e lo stare sul palco…

Nuovo Cantagiro, Calabria, 1992

Prima di salire sul palco (riferimento al Nuovo Cantagiro in Calabria, condotto quell’anno da Mara Venier) Augusto fu colto da un attacco di epilessia… Quando stava per crollare lo presi al volo ma realizzai in quel frangente che era arrivato il momento di dire basta… Ricordo ancora la sua faccia quando gli comunicai che ci saremmo dovuti fermare…

Una volta a Novellara il mio solo pensiero fu come alleviare il più possibile il suo dolore. Decisi di organizzare ogni sera una piccola festa a casa mia, una cosa per intimi, lui e la sua compagna Rosanna, la mia famiglia, il dottore che era anche un amico, e pochissimi altri selezionati…

Ciò che mi è rimasto di positivo di quei giorni è che anche in quelle condizioni estreme Ago non ha mai perso il suo amore per la vita… “Appena mi rimetto e me la sento, io e te partiamo e facciamo il giro del mondo”.

(Cit. ” Questi sono i Nomadi e io sono Beppe Carletti “, Mondadori ISBN 9788804701491)

Augusto Daolio morì la mattina del 7 ottobre del 1992.

Nomadincontro – Tributo ad Augusto

La manifestazione ” Nomadincontro – Tributo ad Augusto” iniziò nel 1993. Organizzata annualmente a febbraio, mese in cui nacque Augusto, con la collaborazione di Beppe Carletti, di tutti gli altri componenti del gruppo, e con l’approvazione di Rosanna Fantuzzi, compagna di Augusti Daolio, la manifestazione è un modo per onorare il ricordo di Augusto.

La “Nomadincontro – Tributo ad Augusto” si svolge in 2 giorni ( un sabato e domenica).

Durante la manifestazione si esibiscono cantanti e gruppi musicali italiani.

Il premio, rappresentato da una somma di denaro, viene quindi devoluto a favore di associazioni che combattono per i meno fortunati. Rappresenta soprattutto un riconoscimento al valore morale dell’artista vincitore, che si è messo in luce grazie al suo interesse, partecipazione a cause sociali e umanitarie.

Nel corso degli anni il tributo e stato vinto da cantanti come Jovanotti (1993), 99 Posse (1996), Daniele Silvestri (2000), Piero Pelù (2001), Elisa (2005), Roberto Vecchioni (2008), Fiorella Mannoia (2016) e molti altri, permettendo così di raccogliere 120 milioni di lire.

Associazione Augusto per la Vita

A seguito della scomparsa dello storico leader del gruppo, Augusto Daolio, è stata fondata, per volere dei Nomadi e della compagna di Augusto, che ne è la presidentessa, l’Associazione Augusto per la Vita.

La finalità prima che si prefigge è la raccolta di fondi utili per la ricerca sul cancro, attraverso la pubblicazione di opere dedicate al cantante.
L’idea nacque spontaneamente quando, nel corso dei funerali di Augusto, in moltissimi lasciarono parecchie somme di denaro.

Nomadi 55 anni in concerto

Trescore Cremasco 8 luglio 2018

L’occasione di vedere e di ascoltare dal vivo uno fra i gruppi storici del panorama musicale nazionale ed internazionale, era troppo ghiotta per farsela sfuggire.

L’attesa è stata ampiamente soddisfatta dall’emozione provata.

Un vero e proprio evento, di condivisione soprattutto. L’atmosfera è gioviale, familiare. Non solo un concerto nel senso canonico del termine. I Nomadi organizzano un incontro fra amici, vicini e lontani, e durante il concerto alle canzoni si alternano attimi di condivisione, di interazione.

Lettura di bigliettini, di striscioni… Racconti, alle volte anche personali di episodi, si alternano alla musica, il cui messaggio è quello di sempre, il marchio dei Nomadi: interesse e partecipazione sociale, amore e sentimenti.

Improvvisamente non ti senti più un fan in adorazione di un idolo. Ma una parte “importante” e riconosciuta di un sistema, in cui l’interesse per l’altro è fondamentale.

Il ricordo di Augusto è presente aleggiando sopra la nostra testa. Yuri Cilloni indossa una maglia con l’immagine di Augusto ben in mostra. Il tutto è vissuto con grande rispetto, senza autocommiserazione. Augusto è stato indubbiamente, uno dei promotori di un progetto emozionante che, nonostante il passare del tempo si mantiene vivo, attivo e inimitabile. E questo grazie alla passione con cui i Nomadi trasmettono il loro “pensiero” ai fan-amici, che a loro volta se ne fanno promulgatori.

 

Mi Sono Innamorato di Te: Una Notte per Luigi Tenco, Arci Bellezza, 2 Febbraio 2018

“Mi Sono Innamorato di Te: Una Notte per Luigi Tenco”

Arci Bellezza, Milano 2 Febbraio 2018

Venerdì 2 Febbraio 2018 presso Arci Bellezza (via Bellezza, Milano 20136 Italia) si terrà l’evento “Mi Sono Innamorato di Te: Una Notte per Luigi Tenco”.

Luigi Tenco (1959-1967)

In tale occasione verranno ripercorsi i brani più significativi del cantautore genovese Luigi Tenco.

https://m.youtube.com/watch?v=DAhtAf2NMrE

Considerato oggigiorno come uno degli esponenti più sensibili della musica italiana, Luigi Tenco nel 1967 si tolse la vita in seguito all’eliminazione della sua canzone dal Festival di Sanremo.

Un segno di protesta nel non sentirsi compreso dal pubblico italiano.

” Io ho voluto bene al pubblico italiano e gli ho dedicato inutilmente cinque anni della mia vita. Faccio questo non perché sono stanco della vita (tutt’altro) ma come atto di protesta contro un pubblico che manda Io tu e le rose in finale e ad una commissione che seleziona La rivoluzione. Spero che serva a chiarire le idee a qualcuno. Ciao. Luigi.” (Luigi Tenco)

Una personalità sensibile, dotata di una spiccata intelligenza e non in grado di scendere a patti con se stesso. Destinato a soccombere sotto il peso della ” società industriale ” (cit.) e dei suoi mezzi.

“Non si vive per riuscire simpatici agli altri. A me i soldi, il successo, non interessano, li lascio a quelli più furbi di me in questo genere di cose.” (Luigi Tenco)

Venerdì 2 Febbraio 2018, Arci Bellezza Milano ore 21:30

A sostenere le parole d’amore, di speranza e di protesta del grande artista, ci sarà il cantautore Claudio Lupi: tra brani suonati e cantati al pianoforte, foto, video.
Ingresso 7€ con tessera Arci

Organizzatore: Arci Bellezza

Telefono: 02 58319492
Email: info@arcibellezza.it

Mi Sono Innamorato di Te: Una Notte per Luigi Tenco